CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO CINA

2 - 6 Ottobre 2018 - Foto racconto

Per la sesta volta, il nostro formatore Daniele Tacchini, è volato in CINA..

 

SI è appena concluso il PRIMO LIVELLO del corso ALLENATORI CALCIO svolto nei primi giorni del mese di ottobre.

Un altro grande intervento formativo di CSI Milano in oriente.

Di seguito il consueto DIARIO DI BORDO del docente

   

   

 

  

 

 

 

REPORT SESTO VIAGGIO IN CINA PER IL CORSO ALLENATORI DI CALCIO CSI

Sembra ieri.

Sembra ieri  quando il sig. Liu Sheng, fondatore della Italocina sports, bussava alla porta del CSI di Milano, chiedendo la possibilità di organizzare un corso allenatori di calcio in Cina. Aveva avuto grandi referenze da suoi conterranei, in Italia per motivi di studio, che avevano frequentato i nostri corsi Nuovi allenatori e Primo Livello.

Sembra ieri  quando mi imbarcavo da Malpensa, per il primo corso, che si svolgeva a Tianjin. Diecimila kilometri verso l’ignoto. Non conoscevo personalmente il sig. Liu Sheng – se non per telefono – e non ero mai stato in Cina. Come sarebbe stato l’ambiente, l’accoglienza, il livello dei tecnici e le loro aspettative ? Il corso fu, ed è, progettato esattamente come il Primo Livello in Italia. Stesse lezioni tecniche, tattiche e fisiche. Stessi concetti educativi. Le differenze ? Alla fine nessuna, stessi sguardi intimiditi alla presentazione, qualche flebile domanda, poi i giorni passano e ci si scioglie a creare un clima disteso, allegro, partecipato, con foto e autografi. D'altronde la palla è rotonda anche qui, lo sport unisce dove altro non riesce a fare, abbatte le barriere e la lingua diventa solo un motivo di scambio culturale. Doveroso l’applauso a Liu Sheng, ideatore e traduttore in simultanea e al collaboratore Wang Lei, uomo ovunque per ogni aspetto logistico (rifornimento di acqua, appello, filmati e foto, e anche in porta quando manca il portiere!). Loro due hanno seguito per ovvie esigenze tutti i corsi fatti finora: ho proposto per entrambi una tessera GOLD del CSI che racchiude 5 primi livello, un secondo e un corso preparatori dei portieri.

Sembra ieri, era l’ottobre del 2016. Oggi, a due anni di distanza, sono al mio 6^ corso, di cui uno di 2^ livello. Quaranta iscritti, provenienti, come nelle altre edizioni, da tutto il Paese: 14  le province rappresentate su 32 totali cinesi. Pechino (200 km da qui) Shandong (500), Shangai (1300), Yunan (2700 km, al confine con la Thailandia), Chengdu (2000 km la patria del Panda), Fwjian (2300 km), Zhongshan (2500), Wenzhou (1700). Incredibilmente, questa volta,  solo un partecipante in “casa”, di Tianijn che è comuqnue una città di 16 milioni di abitanti e che copre una superficie pari alla Lombardia. Al primo corso ho acquistato una cartina della Cina e alla consegna degli attestati, chiedo ai corsisti di segnare da dove provengono con colori diversi a ogni corso. È diventata la mia reliquia, la custodisco gelosamente e la mostro ai mister italiani quando mi chiedono : “ma i cinesi quanto si impegnano nel corso?”. Qui la prima settimana di ottobre è festa nazionale, molto sentita.Per una settimana le scuole e i posti di lavoro sono chiusi. È vacanza in tutto il Paese, testimoniata dalle parate militati, dalle innumerevoli bandierine rosse poste ovunque, sui lampioni delle strade, nei ristoranti, nei negozi, dappertutto. Uno spirito nazionale, difficile da trovarsi da noi. Trecento milioni di persone in questa settimana, fanno vacanza, viaggiando nella sterminata nazione, visitando i luoghi sacri e ufficiali. Mi piace sapere che 40 di loro, hanno rinunciato alle vacanze per seguire il corso. In questo si accomunano ai tanti volontari italiani che alla sera e nel weekend, rinunciano alle loro ore di riposo, per dedicarsi alla loro formazione e ai loro ragazzi. Tutto il mondo è paese.

Sembra ieri ma l’ignoto della prima volta è sparito. Dopo sei viaggi, mi sento ormai un po’ a casa. Grazie agli organizzatori ma anche al CSI che mi dà questa possibilità.

Il corso? Ancora una conferma delle precedenti: attenzione molto alta, tante domande, test più che positivo (da 32 a 43 risposte giuste su 45) e tante richieste per il secondo livello o anche solo a qualche contatto mail o wechat.

Sembra ieri che lasciavo la chiesa di Rosario, in Milano, dove sabato 29 e domenica 30 settembre ho tenuto il corso allenatori, a 40 fantastici mister, nella splendida organizzazione della società locale, capitanata dall’ottimo Robbin. Stessi numeri, stesse facce, stessa voglia di saperne di più per riportare poi ai propri ragazzi conoscenze ma soprattutto amore per questo sport, ma soprattutto per gli altri.

Sembra ieri ma a gennaio si svolgerà  il secondo corso allenatori portieri in Cina, tenuto da Prospero Maita, nella località di Bei Hai, vicino al Vietnam. La sede cambia per ovvie ragioni climatiche ma anche perché si vuole far conoscere ancora di più l’iniziativa di Italocina sports e CSI in tutto il territorio nazionale. Io seguirò a ruota, nella terza settimana di gennaio, per un nuovo corso allenatori di primo livello, questa volta a Guangzhou, città rappresentata dalla più importante e ricca squadra del Paese, già allenata da Lippi e adesso da Cannavaro. Chissà che non si riesca a unire al corso, una visita al centro sportivo, che dicono uno dei più belli del mondo, e magari una bella foto del capitano azzurro campione del mondo 2006 con la bandiera arancione blu del CSI?

Sembrava ieri, ma è già domani!      

Alla prossima, con diario di bordo.

 

Daniele Tacchini

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

Calendario Corsi
Cod. Società

Cod. Squadra

Password


Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok