CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Amichevole folle al carcere minorile Beccaria

Javier Zanetti dice di essere stato un privilegiato ad aver incontrato questi ragazzi

Una giornata indimenticabile al Beccaria. Come fare a descriverla? Ci proviamo. Dentro il carcere l’attesa è grande. Per la prima amichevole al carcere minorile ci siamo inventati una partita folle tra i ragazzi del Beccaria e gli Allievi Nazionali dell’Inter. Mai fatta prima una cosa simile.

Alle 14.30 puntuale arriva il Pullman dell’Inter. Il primo a scendere è Javier Zanetti che accompagna i suoi ragazzi. Formalità burocratiche ed alle 14.50 si entra. Percorriamo i corridoi e arriviamo in palestra. Ci sono tutti: direttrice, comandante guardie, presidente consiglio zona 6, funzionari del Pra (amministrazione carceraria), dirigenti del Coni, don Claudio Burgio e tanti altri.

Scendono i ragazzi del Beccaria... la loro emozione si legge negli occhi. Sembrano bambini allibiti e stupiti. Non credono che abbiamo messo in piedi tutto questo per loro.

Ci sediamo tutti a centrocampo. Chiacchierata di mezz’ora con Zanetti. I ragazzi fanno domande (sia quelli del Beccaria sia quelli dell’Inter). Quelli del Beccaria leggono una lettera nella quale raccontano la storia della loro squadra che fa venire la pelle d’oca.

Un po' di riscaldamento e si comincia. La novità è che Zanetti decide di giocare con i ragazzi del Beccaria (non di dare il calcio di inizio, ma di giocare proprio e per 20 minuti c'è la mette davvero tutta). I nostri ragazzi tengono. Si sono allenati alla grande per due mesi e fanno un figurone. Finisce 7-6 per l’Inter (si gioca a 5) ed è stata partita vera. Incredibile! Poi prendiamo i due capitani e mischiamo le due squadre scegliendo i giocatori a “bim bum bam” come in Oratorio. Vanno in campo due squadre miste (ragazzi dell’Inter e del Beccaria insieme) ed è un’altra partita bellissima. Alla fine piccolo un rinfresco con abbracci, il “5” per salutarsi e occhi lucidi da parte di molti. Ancora una volta un pallone ha cancellato ogni differenza e diffidenza. Usciamo. Javier Zanetti dice di essere stato un privilegiato ad aver incontrato questi ragazzi. Quelli del Beccaria tornano in cella... Ci vediamo venerdì per l’allenamento...

Massimo Achini

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok