CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Un appuntamento con la storia

14 Marzo 2014

La prima a iscriversi sul sito www.societasportivedalpapa.org é stata la società Us Velate. La seconda il Rosario. A oggi più di 80 società sportive del nostro comitato hanno deciso che il 7 giugno saranno in piazza San Pietro per incontrare Papa Francesco. In realtà saranno molte di più. Tante altre ci stanno ancora pensando ma, alla fine, decideranno di vivere questa giornata che costituisce un vero “appuntamento con la storia”.Le difficoltà ci sono. Non vanno negate. I costi per andare e tornare da Roma sono il problema più grande. Come sapete ciascuno si organizza come meglio crede. Chi verrà a Roma in giornata, chi si fermerà una notte. Chi sceglierà alberghi di livello e chi sceglierà strutture stile GMG. Chi viaggerà in pullman, chi con carovane di macchine, chi in treno. Proprio la scorsa settimana abbiamo chiuso con Trenitalia un importante accordo che prevede tariffe molto agevolate per chi viaggerà in treno (alta velocità compresa). Per scoprire i dettagli della proposta bisogna chiamare il numero unico nazionale  06.6000 e dire che si partecipa alla giornata promossa dal Csi del 7 giugno. Le difficoltà vengono però spazzate via se si comprende, sino in fondo, il senso di questa iniziativa. Non si tratta semplicemente di andare a un incontro con il Papa. Ciascuno di noi (e dei nostri ragazzi e ragazze) ha la possibilità di essere protagonista di un appuntamento con la storia.
Prima di tutto perché un incontro tra il Papa e tutte le società sportive di base non capita tutti i giorni: se togliamo i giubilei degli sportivi, l’ultimo incontro di questo genere risale al 1955. Basta questo dato per comprendere il senso di quello che ci attende il prossimo 7 giugno. In realtà c’é molto di più. Incontrare Papa Francesco significa incontrare oggi uno dei più grandi uomini del nostro tempo. Che cosa provate nel pensare che proprio Lui, Papa Francesco ha scelto di dedicare un intero pomeriggio (dalle 16.30 alle 18.00) per abbracciare le società sportive di base? Andremo a San Pietro per vivere un’esperienza unica. Per ascoltare le parole del Papa che non parlerà genericamente al mondo dello sport, ma parlerà al popolo delle società sportive di base. Andremo in piazza San Pietro per fare il “tifo” per  Papa Francesco, per dirgli che nella nostra semplicità e con infinita umiltà siamo al suo fianco e intendiamo sostenerlo nella sua opera che vuole rimettere al centro l’uomo in ogni esperienza e in ogni ambito. Andremo in Piazza San Pietro per prenderci delle responsabilità e per dire a Papa Francesco che può contare su di noi e che non ci accontentiamo di vincere o perdere una partita o un campionato. Noi desideriamo essere educatori veri, capaci di diffondere i valori della vita attraverso lo sport.
Andremo in Piazza San Pietro per fare festa. Si, proprio così: per fare festa. La nostra azione educativa é caratterizzata dalla gioia, dalla festa, dal sorriso che il gioco e lo sport portano con sé. Piazza San Pietro sarà gremita dai colori delle magliette di gioco di ogni società sportiva. Sul sagrato, vicino al Papa, ci sarà un ragazzo di ogni società sportiva presente. Riusciremo persino a fare esibizioni sportive e a realizzare, tutti insieme, una coreografia di accoglienza al Papa che sarà indimenticabile. Da ogni angolo d’Italia e da ogni angolo della nostra diocesi tantissimi si stanno organizzando. L’entusiasmo cresce giorno dopo giorno. Sarà una vera mobilitazione del “popolo delle società sportive”. Solo per fare un esempio: il comitato di Milano (arbitri, dipendenti, collaboratori, consiglieri, commissione tecniche) ha prenotato un “treno Csi” dedicato esclusivamente a loro. Se per caso siete indecisi, lasciate da parte ogni dubbio e ogni incertezza. Gettate il cuore oltre l’ostacolo e dite: noi all’incontro con il Papa ci andiamo. Parlatene e mobilitate la vostra società sportiva. Non importa se sarete tanti o pochi. Importa esserci. Scoprirete che questa esperienza farà un gran bene alla vostra società. Servirà a dare una  grande carica, a rigenerare entusiasmo, a riscoprire il vero senso dell’impegno meraviglioso che mettete al servizio dei ragazzi, a trovare una forza tutta nuova. E poi gli appuntamenti con la storia non capitano tutti i giorni. Perderli sarebbe davvero imperdonabile.

Massimo Achini

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok