CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

La cultura della vita

9 Gennaio 2015

Parigi, 7 gennaio 2015. Non sembra vero. Un efferato atto di terrorismo che oltre che avere rapito la vita di molte persone ha rappresentato un’offesa alla liberta di stampa e di pensiero. Tutto ciò si innesta in un quadro generale della nostra società che ha smarrito da qualche tempo il senso della misura. Per equilibrio intendo tutto quello che ci aiuta a vivere con noi stessi e con gli altri. Ciò che una volta si riteneva essere  frutto di macabre fantasie oggi è divenuta realtà e supera ogni immaginazione. Come ci possiamo difendere? Come possiamo agire per sviluppare una cultura positiva? Come possiamo essere utili per il bene? Forse la risposta è valorizzare sempre di più la cultura della vita. La vita è di per sé espressione di gioia, espressione di positività. Un bambino appena nato trasmette queste sensazioni. La cultura della vita aiuta a trasmettere agli altri la bellezza di ciò che già abbiamo, ci permette di anteporre il bene al male, vivendo e guardando con speranza ciò che ci circonda con occhi positivi. E’ facile oggi essere influenzati dalle tante notizie negative. Uscire da questa spirale è possibile guardando, leggendo, interpretando e soprattutto vivendo in modo positivo. Guardiamo gli occhi del nostro vicino con occhi pieni di affetto, speranza, fiducia e rispetto. L’affetto è quel sentimento che ci fa sentire vicini, prossimi a colui che incontriamo. La speranza ci permette di pensare che il domani sia meglio di oggi. La fiducia ci aiuta a fidarci, a non essere prevenuti; ci sono attorno a noi tante persone buone che hanno voglia di fare del bene. Eliminiamo la cultura del sospetto! Il rispetto ci consente di vedere nel vicino una persona che ha i miei diritti e doveri e che ha una propria testa, un proprio cervello e quindi un proprio modo di pensare. Come sarebbe bello se tutti noi avessimo questo modo di pensare e di affrontare la vita. Forse le tante paure che accompagnano questo tempo verrebbero allontanate se potessimo avere fiducia, speranza e desiderio di costruire il bene. E’ una scommessa, forse un’utopia, ma solo  la cultura della vita ci potrà salvare. Buon anno nuovo a tutti. Un anno che desidero iniziasse con questi sani propositi.

Giuseppe Valori

 

 

 

 

 

 

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok