CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

E' nata la cordata educativa della diocesi

23 gennaio 2022

Gli adolescenti oggi fanno fatica. La pandemia li ha messi “in ginocchio“ e sono tra quelli che pagano un prezzo molto alto dopo due anni di vita stravolti da distanziamento, dad e lockdown.
Lo dicono tutti. Ed é vero. Decisamente vero. Attenzione però a non fraintendere.
I giovani non sono “malati“ da guarire. Non sono un problema da risolvere. Esattamente il contrario. Sono una risorsa da valorizzare oggi più di ieri. Sono ragazzi e ragazze da accompagnare, sostenere ed incoraggiare.
Servono adulti disposti a farlo sino in fondo. Senza nasconderci che “da soli“ facciamo tutti un po’ fatica. Da sempre sentiamo dire che bisogna lavorare in rete, che bisogna “fare squadra“ tra tutte le realtà che hanno a cuore uno sguardo educativo sui ragazzi e sui giovani. In concreto però spesso ci si Iimitava a tavoli di “buone intenzioni“, a riunioni un po’ fumose… e poi ciascuno continuava a camminare sulla priopria strada.
Ora arriva una novità meravigliosamente bella. 15 realtà della Diocesi hanno preso sul serio la sfida del tempo in cui viviamo partendo dall'idea che per dare risposte alle fatiche dei ragazzi e giovani di oggi bisognava davvero trovare il modo di mettersi insieme. Queste 15 realtà hanno lavorato per sei mesi (da agosto ad oggi) nel silenzio, sottotraccia… prima di arrivare a presentare ufficialmente la nascita della “Cordata educativa della Diocesi“ con tanto di manifesto chiamato “Missione possibile“ e con tanto di prime azioni concrete che consistono in brevi corsi di formazione aperti a tutti quelli che hanno a che fare con gli adolescenti (educatori, catechisti, insegnanti, allenatori, scout, operatori e via dicendo…).
Stiamo parlando di realtà prestigiose ed importanti: Fom (Fondazione oratori milanesi) Caritas, Azione cattolica, Fondazione Guzzetti, Agesci, Fma, Pastorale giovanile, Pastorale scolastica, Aquila e Priscilla, Pepita, Fondazione don Silvano Caccia, la Casa di Varese... e il nostro Csi.
Esserci in questa esperienza di una sorta di “comunità educante diocesana“ ci rende felici, orgogliosi e ci regala una forte responsabilità.
Questa cordata educativa vuole sperimentare un cammino nuovo e possibile di reale e concreto fare squadra per provare insieme a sostenere gli adolescenti ed i giovani in ogni modo. Ai ragazzi e alle ragazze di oggi vogliamo dire: “guarda, in qualsiasi contesto tu sia presente… nello sport, nell'oratorio, a scuola, al gruppo scout, e via dicendo… ci sono adulti che credono in te, che ti sostengono. Sono adulti che si parlano, che camminano insieme, che fanno squadra per poterti sostenere nel modo migliore“. Non solo. La prima azione concreta messa in campo dalla cordata educativa é un breve corso di formazione (si parte da Giussano e si realizzerà in tantissimi luoghi della Diocesi) rivolto a educatori, catechisti, allenatori, insegnanti, operatori sociali e via dicendo… che hanno a che fare quotidianamente con i ragazzi. A tenere questi corsi (mai accaduto prima) saranno team di “formazione misti“ (cioè composti da formatori delle 15 realtà citate prima). Oggi, nel tempo della pandemia, comprendere, sostenere, accompagnare i ragazzi non è facile. Spesso gli adulti che stanno con i ragazzi (pensiamo agli allenatori) si sentono un po’ “soli e impreparati“ in questa sfida. Gli incontri formativi promossi dalla cordata educativa saranno una possibilità in più anche in questa direzione.
Noi crediamo fortemente in questo cammino. É finito il tempo di società sportive isolate e chiuse in se stesse o confinate dentro la dimensione esclusivamente sportiva... Il presente ed il futuro parlano di società sportive proiettate con entusiasmo nel fare squadra dentro il proprio oratorio e dentro la propria comunità con tutte le altre dimensioni educative. Parlano di società sportive proiettate a fare squadra con ogni presenza educativa del proprio territorio.
Il sogno é che il cammino della cordata educativa possa crescere. Abbiamo ancora “moschettoni liberi“ e siamo convinti che altre realtà e agenzie educative della Diocesi aderiranno rendendo ancora più forte la squadra. Siamo convinti che partiamo “in sordina“ ma con l'obiettivo di fare “grandi cose e cose grandi“ nel medio periodo. Siamo soprattutto convinti che la “cordata educativa“ possa generare “cordate educative territoriali“. Possa cioè essere un modello  di riferimento per promuovere anche sul territorio esempi concreti di “cammini condivisi “ tra tutte le realtà che hanno a cuore i ragazzi ed i giovani.
Siamo davvero contenti della nascita di questa esperienza. Sei mesi fa sembrava una strada “impossibile“. Poi abbiamo iniziato, guidati da don Stefano come direttore della Fom, a guardare negli occhi questo sogno e questa sfida.
Ed oggi é diventata realtà.


Massimo Achini

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok