CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

La burocrazia che uccide le società sportive

9 settembre 2022

Ricominciamo. Non si tratta della canzone di Pappalardo. Ma della vicenda registri per le società sportive. Ci sono voluti anni per districarsi dalla burocrazia e convincere tutte le società sportive ad iscriversi al registro Coni. Noi siamo sempre stati favorevoli a quel registro. Era l'unico modo per fare chiarezza e pulizia tra le Asd vere che fanno volontariato e servizio educativo e le ASd “finte“ che fanno business nascondendosi dietro la forma dell'ASd solo per trarne benefici fiscali e normativi. Iscriversi al registro Coni è stata per tutti una fatica ed un “incontro - scontro“ con la burocrazia. Una fatica che andava fatta. Adesso, a distanza di anni, quando finalmente tutto sembrava girare…. Si ricomincia da capo. Dalla sera alla mattina si decide che il registro Coni viene cancellato e sostituito da un nuovo registro che fa capo al Dipartimento dello sport. Penseranno a tutti loro travasando i dati con un clic, potrebbe pensare qualcuno. Sarebbe un ingenuo. Nel Paese delle complicazioni delle cose facili tocca alle società sportive ri-iscriversi al nuovo registro. Bisogna farlo. Bisogna farlo subito. Un bel modo davvero per complicare la vita. Non bastasse tutto questo c’è anche la questione del registro del terzo settore. Devono iscriversi tutte le società sportive che vogliono far parte del terzo settore. Come sapete noi siamo favorevolissimi al iscrizione per tanti motivi. Peccato che poi la piattaforma non funziona bene ed iscriversi diventa una sorta di Via Crucis burocratica.

Mentre ci chiedono di passare ore e ore a districarci dalla burocrazia dei registri…. tante società sportive rischiano la “bancarotta“ per la questione energetica. Gli aumenti sono impressionanti e se non arriveranno aiuti concreti, per tanti sarà dura. Ma dura davvero. In queste settimane siamo già alla terza telefonata di questo tono: ”caro Csi posso iscrivermi con le docce fredde? Il mio Don mi ha detto che la parrocchia non ha soldi e che non ci pensa nemmeno ad accendere boiler per allenamenti o partite“ . “Caro Csi si può giocare con gli spogliatoi non riscaldati? Il mio Don mi ha detto che il riscaldamento forse non lo accederà nemmeno in chiesa e che non ci sono i soldi per pagare le bollette per spogliatoi o altro“. Sono esempi concreti. Bene sul versante “costi energia“ tutto il mondo dello sport sta alzando la voce, lanciando gridi di allarme… e come al solito la Politica risponde con timidi emendamenti in corso e con tanti… “si sì chiaro, avete ragione, vedremo vi faremo sapere“.

Follia! Al posto che sostenere le società sportive si pensa a costruire nuovi registri che non sono figli di esigenze vere ma di litigate da bambini che si fan dispetti a scuola tra Coni, Sport e salute e Dipartimento dello sport…  Al posto che intervenire subito di fronte al tema drammatico dei costi energetici si continua (come quasi sempre) ad essere miopi e lontani dalla vita vera delle società sportive.

Qualcuno di voi potrebbe dire: ”Si vero, ma negli ultimi anni di pandemia soldini veri alle società sportive da sport e salute sono arrivati e sono arrivati eccome. Anche tanti“. È assolutamente vero. E meno male che è stato così. Ma manca una visione vera di sostengo alle società sportive. Sono stati interventi di emergenza (per fortuna che ci sono stati sia chiaro) occasionali e un po’ improvvisati. Manca una visione di sostegno alla vita delle società sportive. Quando fra qualche settimana andrete a votare guardate con attenzione i programmi dei vari candidati. Vi accorgerete che in molti casi la parola sport non esiste nemmeno. In altri casi è coniugata con una serie di ovvie banalità. Ma di qualcuno che, nel programma, si prenda carico di interventi concreti a medio termine a favore del mondo dello sport di base a noi sembra di aver trovato poco o nulla. 

Intanto non abbiamo alternative. Su le maniche e tutti a iscriversi al registro delle società sportive del dipartimento. Per fortuna non bisogna rifare tutto da capo…. Ma comunque bisogna mettersi in regola districandosi tra qualche fatica burocratica. E non ci sono alternative. Fa fatto è fatto subito.

Massimo Achini

Eventi, Attività, News