CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

L’atto eroico del campione delle due ruote

Gino Bartali, “giusto tra le nazioni”

Non possiamo dimenticare l’agonismo sano e sportivo tra due imponenti ciclisti come Coppi e Bartali, ma le loro imprese sportive sono nulla a confronto dell’impresa umana del toscano Ginettaccio. Bartali ha saputo portare a termine, grazie al suo spirito di condivisione e alla sua generosità, un atto eroico con cui ha salvato circa 800 vite umane. Eravamo in Italia negli anni bui delle leggi razziali tra il 1938 e il 1944 e oltre alle scalate sulle Alpi o il giro d’Italia il giovane Bartali si sentiva impegnato ad aiutare gli ebrei che volevano fuggire dal regime fascista. Aveva escogitato un espediente intelligente tuttavia pericoloso: nascondeva i documenti necessari alla fuga dentro la canna della bicicletta. I documenti viaggiavano con lui, tra la Toscana e l’Umbria, e il ciclista sfidava senza ostentazione i tedeschi. Afferma l’autore Antonio Ferrara: “Aumenta il pressing negativo degli adulti sugli adolescenti perché i libri siano funzionali allo studio, oppure abbiano peso solo in opposizione agli strumenti tecnologici. Una storia invece è sempre desiderata dai ragazzi, per ritrovare le emozioni che vivono ogni giorno.” La trama traccia la vicenda di amicizia e rivalità dei due sportivi, vi intreccia la passione degli Italiani per il ciclismo, riesce a far ridere e a commuovere. Non c’è enfasi in questa specie di autobiografia schietta e senza intenti divulgativi: si apprezza la microstoria e si svela la macrostoria. Il ritratto che Ferrara dipinge con la sua sicura vena narrativa ci rende un Bartali campione sportivo ma imbranato con le ragazze, spensierato e a volte grottesco pur vivendo nell’intimo la drammaticità della vita degli ebrei. Per il suo coraggio e la sua coerenza è stato nominato “giusto tra le nazioni”: questo riconoscimento viene attribuito ai non-ebrei che hanno rischiato la vita per salvare quella anche di un solo ebreo durante le persecuzioni naziste. Il romanzo è illustrato con efficaci schizzi a bianco e nero da Sandro Natalini.
Claudia Camicia
per Associazione Italiana del Libro

 

Titolo: La corsa giusta
Autore: Antonio Ferrara
Editore: Coccole books
Pagine: 128
Costo: 10 Euro
Anno di pubblicazione: 2015

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok