CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

La storia di Klaudio Ndoja

"Tutto è raggiungibile, io ne sono la prova"

Dalla guerra civile e i proiettili vaganti nella natia e mortale Albania all'incontro con papa Francesco in piazza San Pietro come rappresentante del Centro Sportivo Italiano. Da clandestino invisibile sbarcato nell'Italia difficile, ma generosa del nuovo millennio ad acclamato capitano di una squadra di Serie A di pallacanestro. Dopo la fuga dalle spiagge di Valona in piena guerra civile, gira l’Italia con la famiglia alla ricerca di un futuro migliore. L’opportunità arriva a Palazzolo Milanese dove avviene l’incontro con don Marco Lodovici, il parroco del piccolo oratorio del comune lombardo, che lo convince a giocare nella sua squadra Csi. Subito dopo, il prelato gli consiglia di partecipare a un provino nel settore giovanile di Desio, dove trova due bravi allenatori: Enrico Ferrari e Alberto Sacchi. Continua la sua avventura sportiva e umana nella Casalpusterlengo di Danilo Gallinari e Pietro Aradori, per raggiungere l’apice nel giugno del 2012 quando, da capitano di Brindisi, vince la Legadue nella serie finale contro Pistoia. Questo e tanto altro è Klaudio Ndoja, un ragazzo particolare che ha avuto il grande merito di non darsi mai per vinto quando tutto il mondo attorno sembrava stesse per crollargli addosso. La sua è stata una scalata faticosa, lastricata di sacrifici e sudore, ma percorsa sempre a testa alta, senza mai arrendersi, provando con orgoglio e con tutte le proprie forze a vincere l'ultima partita di ogni stagione. Perché, come ha detto lui stesso con voce rotta al microfono, davanti al papa e a una platea di migliaia di persone: "Non sono un campione sportivo, ma credo di esserlo nella vita grazie all'insegnamento dei miei genitori e dello sport. E dico ai ragazzini: se avete un sogno andate avanti, combattete, abbiate sempre fede. Tutto è raggiungibile, io ne sono la prova".

Titolo: La morte è certa, la vita no
Autore: Pettene Michele
Editore: Imprimatur
Pagine
: 320
Anno di pubblicazione
: 2015
Costo: 16,50 euro

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok