CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Cinquecento dirigenti hanno partecipato ad Assisi 2015

I dieci tavoli di lavoro hanno messo a confronto l'associazione

Domenica 6 dicembre è la giornata conclusiva del meeting Csi Assisi 2015. Alla Domus Pacis è Don Simone a condurre l’iniziale momento di spiritualità, chiuso dal canto del celebre tenore Frate Alessandro, applauditissimo nel suo “Fratello Sole, Sorella Luna” accompagnato dalla chitarra acustica di Marco Spaggiari dei Controtempo. E’ tempo di conclusioni. Prima però c’è il saluto di Mons. Vittorio Peri, per lunghi anni consulente ecclesiastico nazionale del Csi.

Al Csi dico di coniugare l’impegno di ogni giorno – l’indicazione di don Vittorio - che ci viene donato, di servizio, di promozione nel presente, ma senza dimenticare la prospettiva di ciò che ci aspetta, sintesi tra immanente e trascendente, tra ciò che passa e l'eterno. Un impegno non out - out, ma et - et come si addice ad un cristiano. Vivere nelle situazioni penultime con il cuore verso le situazioni ultime”.

La giornata centrale di Assisi 2015 aveva visto protagonisti i tavoli di lavoro, impegnativi e testimoni di un confronto vivace su 10 tematiche attuali, dai quali ciascun coordinatore ha sintetizzato in tre tweet immediati, in attesa che vengano raccolti i materiali al completo.

Le Società Sportive: come sostenerle e aiutarle cooncretamente

Coordinatore: Alessandro Raimondi

Il meglio di ognuno a disposizione di tutti, per mettere le società sportive al centro del CSI #Assisi2015

La nostra identità: il valore aggiunto per formare, educare e crescere insieme #Assisi2015

CSI la cooperativa dello sport, dal nazionale al territoriale #Assisi2015


Il comitato: viaggio tra i problemi e l’organizzazione territoriale

Coordinatore: Sergio Contrini

#giovaninelcsi… Coinvolgere i giovani al servizio delle società sportive ma anche per il servizio nei comitati

La formazione per tutti i dirigenti eletti, sostenuta da aggiornamenti periodici per alcune figure quali presidente e amministrazione della giustizia

#relazioni sul territorio: tra EPS, con il CONI, con le altre organizzazioni…


CSI e chiesa: rafforzare la presenza nelle parrocchie

Coordinatore: Stefano Gurioli

Ad ogni livello associativo recuperare il senso di appartenenza a Gesù e alla Chiesa, prima che al CSI

Mi muovo, vengo a cercarti perché ho qualcosa di buono da condividere

Un cammino comune per trasformare l’esperienza sportiva in catechesi


L’attività sportiva di oggi e di domani

Coordinatore: Beppe Basso

Un’attività sportiva con 4 gambe: tecnico-agonistico, ludico-partecipativo, sociale, salutistico

Discipline emergenti e individuali: dare valore, qualificazione, formazione, creazione di una rete anche attraverso il DOAS

Regolamenti: obbligatorietà di una qualifica minima degli allenatori settore giovanile 0-18.

Regole in funzione degli obiettivi territoriali


Servire i piccoli per essere grandi: l’attività sportiva giovanile

Coordinatore: Beppe Cairoli

#3-6+#6-10+#10-14+#14-18 ≠ (diverso) #3-18

#minimocomundenominatore nell’attività infantile e preadolescenziale

Per favorire il confronto nel mare magnum attività giovanile, il confronto deve percorrere la formalizzazione delle proposte


La formazione per creare valore aggiunto: priorità, compiti e funzioni

Coordinatore: Team Formazione Nazionale

Rilanciare e sostenere la figura del coordinatore territoriale della formazione e la rete dei formatori assicurando aggiornamento, strumenti e risorse adeguate.

Per un modello di una formazione nazionale che va nei comitati in quanto efficace testimonianza del farsi prossimo, associativo. #Laformazioneèbella ed #èun'esperienzacherendebellal'associazione.

Prevedere la creazione di un organismo che possa lavorare in termini di ricerca ed innovazione formativa


Marketing sportivo e promozione associativa

Coordinatore: Elena Barbieri

Lavoriamo sulla credibilità del brand attraverso: conoscenza, condivisione di intenti, studio della concorrenza, rendicontazione.

Lo sapevi che? In alcuni comitati si è riscontrata la difficoltà di relazionare con le autorità  ecclesiastiche locali?

Elaborare una strategia condivisa e sviluppare la promozione associativa che si può realizzare anche con una società di servizi esterna, perché no?


Fare sistema dentro e fuori l’associazione: tra relazioni e alleanze

Coordinatore: Agnese Gagliano

#Allearsipercrescere. Se sport è bene comune, occorre condividere obiettivi, percorsi, battaglie, speranze

#Giocodisquadra. Attivare legami per cogliere opportunità, rispondere allo scenario, orientare il cambiamento

#Faresistema. Reti e alleanze generano partecipazione, protagonismo, crescita


Dalle politiche sportive alle politiche attraverso lo sport

Coordinatore: Andrea De David

Politiche attraverso lo sport: occorre confrontarsi, informarsi e interagire. Proponiamo che questo tavolo diventi permanente per crescere insieme

Pensiamo ad una governance per il CSI. Dobbiamo metterci al servizio di comitati e società sportive per aiutarli ai cambiamenti sociali in corso

Diamo valore al valore che abbiamo: impariamo ad accreditare il bene che facciamo, dando risalto alle cose che contano veramente, a partire dallo spirito di servizio


Gioco anch’io: uno sguardo al presente orientati al futuro

Coordinatori: Anna Maria Manara e Silvia Noci

#CSI3.0 è il momento giusto per una società sportiva inclusiva. Formiamo ogni tecnico per servire tutti#davicinonessunoènormale#abileanchio

#CSI3.0 è il momento giusto per mettersi in rete, acquisire competenze, trasversali, ottimizzare il lavoro di tutti

#abileanchio#CSI3.0 è il momento giusto per giocare tutti in campo contro lo stigma#sportiamoci#abileanchio

 

Tocca come sempre al presidente nazionale Massimo Achini, l’atto finale del tradizionale meeting, alla sua 15ma edizione negli ultimi 16 anni.
“A 4320 ore dalla fine di questo secondo mandato – esordisce Achini - alla guida del Csi, sono cento volte di più emozionato su questo palco. E’ come essere all’ultimo km di una gara di atletica. Vorrei condurre questo ultimo tratto di strada come si fa con gli amici in compagnia, per un caffè. Vero, intenso, con l’aroma ed il profumo, e con quel retrogusto di quanto abbiamo gustato in questi anni. Per dirla sportivamente, in questa speciale ‘zona Cesarini’ la sensazione è di avere fatto gol con questo Assisi diverso “alla luce del sole”, non secondo a nessuno, così ricco di riflessione, confronto libero, amicizia, intensa e significativa. Qualche confidenza, in questo momento finale, vorrei farla partendo dall'essere consapevoli dei regali che abbiamo ricevuto. Il primo è quella passione educativa, genetica in ciascuno di noi del Csi. Come il colesterolo buono ti salva le arterie, quella passione ci regala pezzi di vita che non abbiamo nel cuore, ma sta nel nostro Dna. Il secondo regalo è lo sport, quello sport che ha fermato le guerre, con cui Nelson Mandela ha voluto combattere l'apartheid in Sudafrica. Ci hanno regalato ciascuno chissà per quali vie vi sia arrivato il Csi, un modo di vivere e combinare i primi due regali. Chi siamo noi per meritarci questo premio? Siamo consapevoli della grazia che ci è stata fatta? Hanno scelto noi. Ci sentiamo missionari del Vangelo. Inarrestabili, quando il Csi diventa comunità educante ovvero di altissimo livello come tensione educativa. Lo sport è fatto di talento. Se tu riesci a fare squadra, riesci a compensare mancanze di tipo atletico. Chi fa squadra, vince veramente. Più noi riusciremo ad essere comunità educante, più andremo avanti alla grande. E lo faremo meglio generando sempre più attività sportiva. Cresciamo ancora, proviamo a crescere ancora in attività sportiva per il desiderio di arrivare al cuore dei ragazzi”

Ed ecco poi tutto l’orgoglio del presidente Achini. “Con le nuove normative fatte dal Coni, di legalità e trasparenza possiamo dire, che nella rendicontazione di ciò che è il principio generativo per il Csi , ovvero in fatto di attività sportiva, carta vincente, siamo oggi risultati il primo ente di promozione italiano. Siamo perciò chiamati in questo contesto ad abbracciare e prendere per mano lo sport italiano.

Un’ ultima riflessione che faccio – prosegue il numero uno nazionale - è sull’auspicio che il Csi possa offrire una scuola di formazione permanente in futuro. Che ci permetta di accompagnare e sostenere le persone. Un Csi che trovi sempre terze vie, nello sport, nella chiesa, nel contesto. Una cosa sul futuro: la chiave di volta saranno le persone che si siederanno per terra per un servizio umile.
Non dimentichiamo che il vero potere è il servizio, umile, con una raccomandazione materna, dolce e il Papa ci dice di esercitarlo con la forza della tenerezza, espressione dell'amore. Mai avere timore della bontà e della tenerezza”.

 

Vai alla fotogallery

 

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok