CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Al via il gemellaggio tra Csi Milano e Csi di Sassari

L'intervista al presidente del comitato sardo, Giuseppe Porqueddu

Il consiglio provinciale del Csi Milano ha approvato all'unanimità la delibera riguardante il "gemellaggio" (ma potrebbe essere anche definita "alleanza associativa") tra il suo Comitato e il Csi di Sassari. Nasce un rapporto che in Italia, a oggi, non ha eguali, perché si propone di intervenire in un canale di sussidiarietà e di arricchimento formativo ed esperienziale tra due comitati molto diversi per bacino utenza, numeri e attività sportiva, ma uniti da un filo conduttore unico: il desiderio e l'ambizione di scrivere il futuro giocando in attacco ogni giorno.

Giuseppe Porqueddu, presidente del Csi Sassari, il consiglio provinciale del 27 giugno ha dato il via all' "alleanza associativa" tra i Comitati di Milano e Sassari.
"Sono da sempre un grande tifoso del Csi Milano ed essere ospite al loro consiglio provinciale è stato come entrare nello spogliatoio della mia squadra del cuore. Il Comitato di Milano rappresenta per me e per il Csi Sassari un modello da seguire per la pianificazione dell'attività sportiva, formativa e di gestione del Comitato. La professionalità abbinata all'essere associazione è un punto di riferimento quotidiano. Grazie di cuore a Massimo Achini che ha creduto fin da principio in questa idea e a tutto il consiglio provinciale a cominciare dal segretario Fabio Pini, dirigente di altissimo livello".

Quali saranno i primi passi di questo rapporto?
Con Massimo abbiamo ragionato su quanto possa essere interessante uno scambio professionale e di esperienze tra i due consigli provinciali. Partendo da questo, vogliamo puntare su un settore diverso ogni anno: formazione di dirigenti, attività sportiva, arbitri, segreteria, comunicazione, solo per citarne alcuni. Studieremo dal Csi Milano con la consapevolezza che non esistono le organizzazioni per imitazione, ma saremo bravi a rimodulare il tutto in chiave territoriale. Sarà un lavoro che avrà un orientamento al risultato finale: ci sarà un progetto con gli obiettivi da realizzare, i risultati attesi, un check di verifica a metà stagione e un rendiconto finale presentato ai rispettivi consigli provinciali. Insomma, un "gemellaggio" molto concreto e volto a ottenere una crescita misurabile nel tempo, un modello di lavoro associativo esportabile anche in altre regioni d'Italia".

In realtà la formazione al Csi Milano è già iniziata.
"Si, sono impegnato a Milano per quattro giorni di crescita professionale mia e ovviamente del Csi Sassari. Devo dire grazie al mio caro amico Luca Tagliabue, che ha costruito per me un piano di formazione concreto e variegato. Sabato 25 giugno sono stato a San Siro per la Festa dei Cresimandi, domenica a Cormano per il Master della Formazione, lunedì ho seguito la comunicazione con le riprese del video di presentazione dell'attività sportiva 2016/2017, mi sono poi confrontato sulla quotidianità organizzativa di settori quali la Segreteria e Direzione Tecnica di Csi Milano e Sassari, mentre martedì ho visitato Acquatica, camp estivi e ancora il Comitato. E' solo l'inizio di un percorso che a mio avviso aprirà strade impossibili, per citare l'hashtag del Csi Milano".

Nella foto da sinistra: Massimo Achini, Giuseppe Porqueddu e Fabio Pini

 

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok