CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Fabio Azzolini... la prima volta ai nazionali

Ci racconta la sua esperienza definendola una bella opportunità

Sono passati solo due anni da quando ho cambiato “ruolo” nel mondo del calcio passando da giocatore ad arbitro ufficiale del comitato di Milano. Due anni intensi che mi hanno consentito di partecipare allo stage di abilitazione ai ruoli regionali e ricevere poi, dalla direzione tecnica nazionale, la convocazione per le finali nazionali delle categorie ragazzi, allievi e juniores di calcio a 7, disputate a Montecatini Terme dal 29 giugno al 3 luglio scorsi.

La gioia per la bella opportunità e la sorpresa per l’inaspettata convocazione si sono unite all’ansia della responsabilità del servizio che sono stato chiamato a svolgere e mi hanno accompagnato per tutto il viaggio fino alla celebre località termale. Emozioni che, per certi versi, non ho più potuto considerare sin dall’arrivo in quanto, con il collega milanese Stefano Luinetti e i numerosi altri arbitri provenienti da tutta Italia, ci siamo trovati da subito “catapultati” nei numerosi appuntamenti di questo importante momento associativo. Impegni iniziati con la riunione – o “briefing” come si usa dire tecnicamente – alla presenza della Commissione Nazionale Arbitri nella quale ci sono stati richiesti da subito puntualità, impegno e serietà tanto dentro quanto fuori dai campi di gioco. Nonostante, come detto, i timori dovuti all’importanza dell’evento e al fatto di essere alla mia prima esperienza, ogni preoccupazione si è dissolta al fischio di inizio della prima gara. Vivendo appieno questa nuova avventura, ho avuto anche modo di apprezzare il corretto comportamento dei ragazzi e dei dirigenti incontrati e il proficuo confronto con le diverse realtà della nostra associazione.
Una splendida opportunità che ha accresciuto il mio senso di appartenenza al Csi e ai suoi valori sportivo-educativi e, riprendendo le parole di don Alessio Albertini nel messaggio alle squadre partecipanti, nella quale ho cercato di “dare il meglio di me stesso di fronte a questo importante impegno”.
Devo ringraziare i componenti della formazione tecnica del mio comitato e della Regione Lombardia che, attraverso le riunioni mensili e gli stage, tengono continuamente alto il nostro livello di preparazione; un pensiero anche ai miei compagni di corso con i quali, quasi quotidianamente, ci scambiamo consigli e condividiamo le esperienze vissute sui campi per proseguire il nostro cammino di crescita.
Mi sento onorato ed orgoglioso di aver rappresentato la Sezione di Disciplina Calcio di Milano, concludo quindi con un invito agli arbitri più giovani a “non rinunciare davanti alle difficoltà” e a partecipare impegnandosi sempre al massimo per ambire a questa esperienza che fa crescere sia dal punto di vista tecnico che, soprattutto, umano. L’ultimo pensiero va a mia moglie Roberta e a mia figlia Alessandra che, anche da lontano, hanno come sempre sopportato la mia assenza supportandomi in questi cinque giorni intensi ed emozionanti.

Fabio Azzolini

 

Nella foto: Fabio Azzolini (a sinistra), accanto a lui il collega Stefano Luinetti  

 

 

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok