CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Sprofonda la CIM, torna a respirare lo Sporting C.B.

Vittoria con cinquina per S. Domenico Savio, Cerbattese e Resurrezione

La giornata che segna il giro di boa porta con sé risultati molto rilevanti per la classifica del Girone D, sia ai piani alti che in zona salvezza. 

Cominciamo dai vertici, dove le inseguitrici del S. Francesco in Monza erano chiamate a dare un segnale forte, approfittando del turno di riposo della capolista per avvicinarsi al trono e accendere ancora di più la corsa al titolo.

La Resurrezione si impone con un netto 5-0 sull’Aso S. Rocco, anche se il punteggio lascia pensare ad una sfida molto più squilibrata di quanto non sia stata in realtà. I ragazzi di Monza, infatti, a livello di gioco espresso, offrono forse una delle proprie migliori prestazioni, considerando anche (e soprattutto) la caratura dell’avversario; a mancare loro è stata però la scintilla finale, lo spunto necessario per impensierire davvero il portiere di casa. D’Urso e compagni, dal canto loro, disputano una gara praticamente perfetta, sia in fase difensiva che in fase offensiva, e si riscattano dopo il passo falso contro la Coc. A fine primo tempo il parziale è già di 3-0 grazie alla doppietta di Granza Rudy e al sigillo di Zanardelli. Nella ripresa la Resurrezione rimane molto concentrata, concede pochissimo all’Aso S. Rocco e arrotonda il risultato con Granza Rubens e De Rosa.

Cinque gol e prova convincente anche per la Cerbattese, che tra le mura amiche supera la Poscar Bariana. I biancazzurri, con una formazione rimaneggiata e una panchina praticamente inesistente, vanno sotto dopo appena 25 secondi (timbro di Bribiglia). I locali non si accontentano del vantaggio e continuano a spingere sull’acceleratore. Gli ospiti sembrano in difficoltà, ma riescono a reggere l’urto e a rimanere in partita, anche grazie alle numerose occasioni sciupate dagli avversari. L’1-1 di Rizzi risponde alla classica legge “gol sbagliato, gol subito” e sa di beffa per gli arancioneri, che però sono bravi a non perdere la lucidità e a tornare avanti poco prima del riposo (ancora Bribiglia). Nella seconda frazione saltano gli schemi ed entrambe le compagini perdono la propria organizzazione. La Poscar prova a reagire e crea un paio di chance che non sfrutta a dovere; la Cerbattese ha tanti spazi in contropiede, ma è imprecisa. Il 3-1 di Piroli, di fatto, chiude la contesa; a completare il pokerissimo, nel finale, ci pensano Giannola e Oleksyuk.

In coda, il match più importante era senza dubbio quello tra Sporting C.B. e CIM Lissone, rispettivamente ultima e penultima. Per i gialloblu, in particolare, si trattava di una vera e propria ultima spiaggia, dato che una sconfitta avrebbe significato un distacco di sei lunghezze dai biancazzurri. Fin dalle prime battute, però, i ragazzi di Buccinasco dimostrano di non sentire la pressione, anzi: prendono immediatamente in mano il pallino dell’incontro e dominano in lungo e in largo. La squadra di mister Vitali non riesce a reagire, né sul piano dell’intensità né su quello del gioco, e non può fare altro che capitolare con un pesantissimo 7-2. E se per lo Sporting si tratta di un bottino pieno che assomiglia ad una boccata d’ossigeno, per la CIM è il 3° ko in altrettante uscite in questo inizio di 2020. 

Chi sta dimostrando un altro passo nell’anno nuovo è il San Domenico Savio, che ottiene la seconda vittoria in tre gare. La formazione di Via Olivieri riscatta il passo falso nel recupero infrasettimanale contro il Bee Sport e stende l’Osds per 5-2. Mattatore di giornata è Carmine Parrella, autore di una tripletta; Fratus e Simonutti aggiungono il proprio nome al tabellino dei marcatori e completano la cinquina. Inutili per i gialloblu i centri di Ruffoni e Milesi.

Successo importantissimo anche per Libera, che davanti al proprio pubblico si impone per 4-3 sulla Coc. Il primo tempo è molto combattuto, con occasioni da ambo le parti. I locali, concentrati e cinici, sfruttano al massimo le opportunità che capitano loro e si portano sul 3-0 (doppietta di Cremonini e gol di Fattori); gli ospiti, un po’ per demeriti propri, un po’ per la prestazione sontuosa dell’estremo difensore Turrin, non riescono a trovare la via della rete. Nella ripresa la situazione si ribalta: i biancoblu sono più convinti e freddi sotto porta, Libera cala fisicamente e spreca tanto, facendosi riprendere sul 3-3. A pochi minuti dal termine, la perla che decide il match: Leonardi ruba palla a centrocampo, vede il portiere fuori dai pali e lo beffa con un dolcissimo pallonetto.

 

Di Luca Pellegrini

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok