CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Occasione persa

4 Aprile 2014

Domenica in via Asiago, a Milano, andava in scena una partita molto importante. Infatti, si affrontavano due squadre, Gorla e Don Bosco, in piena lotta retrocessione. Entrambe entravano in campo con un unico obiettivo: portare a casa i 3 punti per cercare di allontanarsi o scappare dalle zone calde. Gorla iniziava questa partita con 26 punti e cercava disperatamente la vittoria per riallacciarsi proprio al Don Bosco che era a 31. La partita parte subito con ritmi incalzanti e la squadra padrona di casa, il Gorla, cerca di imporre il suo gioco e si rende più volte pericolosa. Vedendo il procedere della partita, Don Bosco sceglie un assetto tattico più difensivo e cerca di pungere gli avversari con alcune ripartenze. Nonostante il Gorla parta molto bene e colpisce, dopo neanche un minuto di gioco, un palo, la squadra a passare in vantaggio è il Don Bosco: su calcio d’angolo Davide Andreazza viene dimenticato dalla difesa giallonera e, solo in mezzo all’area, è libero di calciare e portare il Don Bosco in vantaggio dopo solo 2 minuti. La reazione del Gorla non si fa attendere, ma il portiere Roberto Silva del Don Bosco si fa trovare pronto in più occasioni. Al 7’ un brutta palla persa del Gorla a centrocampo permette al Don Bosco di innescare Mario Mistretta che, solo davanti al portiere, non si esime dal compito più bello. Gol e 2-0. Nel minuto successivo il Gorla torna ad attaccare e su una respinta, dopo l’ennesimo miracolo del numero 1 Silva, riaccorcia le distanze grazie al gol di Curia. Dopo il gol, il Gorla riacquista entusiasmo e continua a fare gioco per cercare il secondo gol, ma alla fine ancora Mistretta punisce la difesa avversaria con un bel colpo di testa: 3-1. Nonostante le tante reti, il primo tempo non finisce di regalarci emozioni e al 17esimo è Mattia Taddei, con un bel destro al volo, a siglare il 2-3. Nell’azione successiva, sempre Mattia Taddei, trova un altro gol e ristabilisce la parità.
Il primo tempo si conclude sul 3-3, grazie anche ad alcune parate nei minuti finali di Silva. Il secondo tempo si riapre col medesimo copione: Gorla spinge per cercare il gol vittoria, il Don Bosco si difende e riparte per pungere. Ancora una volta è il palo a bloccare l’urlo di gioia dei tifosi del Gorla. Poi all’ottavo minuto l’arbitro assegna un rigore per il Don Bosco: sul dischetto si presenta Stefano Spotti che, purtroppo, conclude a lato. Dopo il rigore sbagliato, il copione si stravolge: infatti il Gorla pare un po’ stanco e, dunque, è il Don Bosco a prendere il mano il pallino del gioco.
Il Don Bosco crea tanto nel secondo tempo, ma alla fine non riesce ad essere mai incisivo nell’area avversaria; al contrario il Gorla, nonostante venga meno la circolazione di palla, si avvicina, nei minuti finali più volte al gol: in un caso è sempre il portiere Silva a sventare la minaccia, in un altro è l’attaccante stesso del Gorla, Curia, a respingere involontariamente il tiro di un compagno destinato al gol. Alla fine la partita si conclude 3-3. Gli spettatori possono, senza dubbio, uscire soddisfatti, perché la partita è stata divertente e spettacolare, al contrario i giocatori delle squadre tornano a casa con l’amaro in bocca: per entrambe c’è il rammarico di aver perso 2 punti importantissimi per la salvezza. Ora il Gorla si trova quart’ultimo e vede allontanarsi il primo posto disponibile per la salvezza a 5 punti. Il Don Bosco, invece, ora è salvo grazie ai 32 punti conquistati, ma solo una lunghezza lo divide dalla retrocessione; con la vittoria avrebbe potuto acquistare maggiore tranquillità. Insomma, assieme agli applausi per il bel gioco, le due squadre tornano a casa con un po’ di amaro in bocca e con l’idea di aver perso una ghiotta occasione.
@LapoMoscon

Nell'immagine: gli atleti del Gorla e del Don Bosco

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok