CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Equilibrio instabile

Asosc - Desiano

L'ossimoro è quella figura retorica che consiste nell’accostare, nella medesima locuzione, parole che esprimono concetti contrari.
Leggendo queste parole, sono certo, la mia professoressa d’italiano del liceo sarebbe fiera di me, ma, tranquilli, finisce qua la mia lezione letteraria; infatti, mi dispiace "prof", ma questa particolare figura retorica utilizzata nel titolo di quest’articolo mi serve, solamente, per introdurre la partita vista questa domenica e dare un breve commento su tutto il campionato. Proprio l’equilibrio, come dicevamo, è protagonista in questo girone: certo, si sono delineate già le squadre che lotteranno per l’Eccellenza e quelle che si giocheranno la permanenza in Open A, ma dopo 7 giornate, nessuna compagine si presenta come grande favorita e su tutti i campi è complicato giocare e vincere. Al contempo però, questo stesso equilibrio è instabile: difatti, da un momento all’altro, si aspettano gli scossoni utili per infiammare questo campionato, per scoprire chi  conquisterà le varie posizioni.
Ma andiamo sul campo di viale Europa, a Melzo, a commentare la partita vista, dove l’Asosc, reduce da 2 punti nelle ultime tre giornate e alla ricerca della prima vittoria stagionale, incontrava il Desiano, mai sconfitto in questo campionato e voglioso di togliersi la “pareggite” che ha colpito questa squadra nelle ultime due partite.
Nonostante il terreno sia più grande di un solito campo di calcio a 7, le occasioni non tardano ad arrivare e dopo 4 minuti dal fischio d’inizio Di Donato (Portiere dell’Asosc) si supera per bloccare Paolo Noto e sventare il pericolo. L’Asosc risponde con maggior possesso palla e pressing alto: proprio da questo pressing, Simone Cattaneo, migliore in campo, recupera palla e infila Consonni. 1-0 e l’equilibrio che c’era nei primi minuti, si perde subito a favore dei padroni di casa. Dopo il gol, l’Asosc continua a fare maggior possesso palla e si presenta spesso dalle parti di Consonni, bravo in un paio di occasioni a respingere gli assalti avversari.
Al contrario, il Desiano vive di ripartenze molto pericolose e grazie ad esse chiamano più volte in causa un ottimo Di Donato. Il primo tempo finisce 1-0 e il vantaggio è meritato per l’Asosc, ma ciò nonostante, padroneggia l’equilibrio all’interno del match. Anche nel secondo tempo la partita rimane godibile e si vedono azioni sia da una parte che dall’altra. Al settimo del secondo tempo, su calcio d’angolo, ancora una volta si frantuma l’equilibrio grazie, ancora, a Cattaneo che sigla il 2-0 con un bel destro e la doppietta personale. Dopo questo gol, la partita si spegne. Le squadre si allungano, la stanchezza inizia a farsi sentire e le squadre non hanno più la necessaria lucidità per trovare la rete.
L’Asosc trova l’equilibrio, questa volta tattico, necessario per chiudersi bene e ripartire, ma l’equilibrio, come avrete ben capito, è instabile. Infatti, a 3 minuti dalla fine, su un calcio di punizione ben battuto da Crippa, Scabrini trova la deviazione necessaria per battere un incolpevole Di Donato.
Quando ormai la partita pare destinata al triplice fischio arbitrale, Paolo Bajo stoppa la palla, si libera di un uomo, carica il destro e calcia: con una strana traiettoria, il tiro s’infila in rete. Bajo cade, stremato, sulle ginocchia e alza le braccia al cielo. L’arbitro decreta la fine: è 2-2 a Melzo.
Quel gol, per il Desiano, vale molto più di un punto in classifica, più della permanenza dell’imbattibilità e potrà tornare, senza dubbio, utile per il prosieguo del campionato. L’Asosc esce, invece, con la sensazione di aver perso un’ottima occasione e con molto rammarico, ma, contemporaneamente, con la consapevolezza di potersela giocare con tutti. Insomma, l’equilibrio è padrone del girone e di ogni singola partita, un equilibrio instabile, capace, da un momento all’altro, di far esplodere il campionato.


@LapoMoscon

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok