CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Fateci divertire ancora un pò

Sport Gerno - Altius

Siamo arrivati quasi a fine campionato e si nota da diverse cose: il caldo inizia a farsi sentire, più pubblico arriva ai campi per godersi una partita di calcio, ma soprattutto alcune partite valgono doppio, ovvero sono incontri particolarmente importanti per conquistare il podio o salvarsi dalla retrocessione. Sabato andava in scena per il girone C una sfida a Gerno di Lesmo dove vincere era tassativo per staccarsi dall’ultimo posto che vale appunto la retrocessione: Sport Gerno - Altius. Abitando a Milano, è stato molto lungo il viaggio, ma vi assicuro che ne è valsa la pena. Scopriamo il perché.
La gara, come già detto, aveva in palio punti importanti anche se attualmente tutte e due le squadre in campo sono salve, ma entrambe a 25 punti in classifica, entrambe a pochi punti dall’ultimo posto valevole la retrocessione. Uno scontro accesissimo fra due compagini che giocano bene, ma non sempre raccolgono ciò che meritano.
La partita inizia e i ritmi sono bassissimi. Forse la tensione, forse il caldo, forse il poco riscaldamento per Altius incidono sull’inizio di partita rendendola noiosa e senza alcuna azione da segnalare. L’incontro si sbolcca dopo il gol del capitano della squadra ospite, Moscatelli. Si sblocca, ma solo per Altius che trova velocemente il 2-0 con Cotrufo. Per lo Sport Gerno sembra già essere notte fonda e le uniche occasioni nascono dall’estremo difensore Confalonieri. Il primo tempo prosegue sui binari dei bassi ritmi e questo pare avvantaggiare gli ospiti. La prima sfuriata casalinga arriva con una bella azione personale di Galbiati che viene atterrato vicino alla linea dell’area di rigore. Non viene indicato il dischetto dall’arbitro, ma è come se lo fosse per capitan Crippa che sigla 1-2. Nonostante il gol, il primo tempo è tutto di marchio Altius e Tolomeo con un imperioso stacco di testa sigla 1-3 con gli ospiti che chiudono i primi 20 minuti di gioco con un doppio vantaggio. Tanti gol, ma divertimento solo a sprazzi. Nel secondo tempo la musica cambia, è soprattutto lo Sport Gerno a cambiare volto: la squadra di casa rientra in campo molto più aggressiva, vogliosa di giocare più palla a terra affidandosi meno ai rinvii di Confalonieri, conscia che la sconfitta potrebbe pesare tanto sul campionato.
Ancora una volta è Galbiati a spingere sull’acceleratore per i suoi e, con un bel dribbling sulla destra, mette in mezzo un pallone invitante per Brocchieri che viene anticipato da un difensore dell’Altius che la spedisce in porta.
2-3, partita riaperta e Sport Gerno che, carica e vogliosa di rimontare, riporta il pallone a centrocampo. Moscatelli lo sistema, calcia e il risultato varia di nuovo grazie a un bellissimo tiro del capitano ospite: 2-4. Matteo Crippa allora raccoglie a sua volta il pallone dalla porta, lo sistema al centro del campo, carica il tiro e, con l’ausilio del portiere non perfetto sull’intervento, muta anche lui il risultato con un altro gol: 3-4. Mai vista una cosa simile su un campo, comunque, non piccolo. Dopo questo continuo aggiornamento di tabellino la partita prosegue e lo Sport Gerno inizia a spaventare davvero Altius. Sono molte le occasioni per i padroni di casa, ma ancora una volta è l’ispirato Galbiati a risolvere tutto, andando a segno. Rimonta completata e Altius che pare sparita dal campo. Gerno, però, dopo aver tirato diversi ganci all’avversario e messo alle corde, non sferra il colpo del KO sbagliando diverse reti. Alla fine è la squadra ospite a trovare il gol con Biagi e, negli ultimi minuti, va vicino alla rete in diversi contropiedi. La partita rimane tesa e bellissima fino alla fine, ma il gol del 4-5 è l’ultimo di una gara incredibile, carica di emozioni e tensioni. Termina, dunque, sul 4-5 questa sfida che vede Altius allontanarsi dalla zona pericolosa, ma soprattutto fare un passo importante, ma non decisivo verso la salvezza. Benchè siano poche le giornate, può accadere ancora di tutto. Dopo 40 minuti di viaggio, 40 minuti di partita, mi riavvicino alla macchina pronto a ripartire: peccato, altri minuti di questa divertente partita li avrei visti più che volentieri. Complimenti alle squadre.
@LapoMoscon

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok