CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Home sweet home

Concordia 3/A - San Carlo Casoretto

A volte casa nostra ci sta stretta. La nostra mente parte e desidera essere in altri posti della terra. Ovunque, ma non a casa. Poi, però, dopo un viaggio o una giornata fuori città, il calore, le abitudini, i punti di riferimento mancano e tornare a casa è sempre un piacere. Un porto sicuro dove conosci tutto e dove è più facile rimanere tranquilli. In casa propria, a volte, si ritrovano forze sconosciute. Questo succede anche nel calcio. Cambiarsi nei propri spogliatoi, ripetere certi riti che solo in casa puoi fare, conoscere ogni zona del campo aiuta e facilita, a volte, il giocare. Se con i sintetici tutto questo si sta leggermente perdendo, la differenza rimane, spesso, su quei campi in terra che ancora contraddistinguono alcune squadre dei nostri campionati.
In particolar modo questa settimana parliamo del campo di Pero, quello del Concordia 3/A formazione ostica a tutte le compagini che si presentano per la partita. La scorsa domenica giocavano la citata Concordia 3/A, a 2 punti per uscire dalla zona retrocessione, e il San Carlo Casoretto, 2 punti sopra la zona retrocessione, partita valevole per il girone B dell’open A. Il campo, colpito dalla pioggia tutta notte, non è in ottime condizioni, ma tali da poter giocare, dunque la partita inizia. Dopo qualche minuto di studio, il Concordia sferra un tris di assi che ammutolisce gli ospiti: Leta prima, Bruzzone con un bellissimo tiro poi e Murer, grazie a un ottimo stop di petto a seguire siglano, nel giro di pochi minuti, il 3-0. L’odore di casa fa bene. Per il San Carlo Casoretto è una gita fuori città, per il momento, da dimenticare. Dopo questi tre gol è sempre il Concordia a rimanere offensivo, avvicinandosi in diverse occasioni al quarto gol. Dopo l’incredibile batosta, minuto dopo minuto, cresce la squadra ospite, ma nel primo tempo fatica davvero a rendersi pericolosa. Nel secondo tempo la stanchezza inizia a sentirsi, a causa della pesantezza del campo da gioco. Pian piano, è il Casoretto che cresce anche grazie a qualche innesto dalla panchina. Migliorata rispetto al primo tempo, la squadra ospite nella prima metà del secondo tempo fatica ad impegnare Mantegazza, sempre sicuro e attento negli interventi. Negli ultimi minuti la squadra bianco blu produce una grande mole di azioni offensive che si concretizzano in un palo e un gol di Marco Tirinato. All’arrivo del triplice fischio arbitrale, il S. Carlo Casoretto non solo esce sconfitto ma cade, in classifica, in piena zona retrocessione, superato dal Concordia che, al termine di una stagione nelle ultime posizioni, rialza la testa e crede, ora più che mai, in una salvezza difficilmente pronosticabile poco tempo prima. Finisce dunque 3-1 una partita non bella a causa anche delle condizoni non ottimali del terreno di gioco. Una vittoria meritata dalla squadra di casa. Perché, si sa, fra le proprie mura, tutto è sempre più facile.
@LapoMoscon

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok