CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Comunicato n° 10

Del 22 aprile 2021

COMUNICATO N°10 del 22 aprile 2021
Coordinatore Tecnico Attività Sportiva: Fabio Francesco Pini
 
 
RIPARTENZA CAMPIONATI 2020/2021
Il Comitato di Milano ha promosso la ripartenza dei campionati della stagione 2020/2021, nel rispetto delle normative vigenti, attualmente solo per le categorie riconosciute di preminente interesse nazionale con provvedimento del CONI.
 
Valuteremo in queste ore le possibilità di ripresa delle attività ufficiali anche per le categorie sino ad oggi escluse (categorie giovanili non agonistiche) non appena vi sarà certezza dei contenuti del prossimo DPCM, rispettando quanto verrà prescritto da ordinanze di Regione Lombardia, dal CONI e dalla direzione tecnica nazionale dell’attività sportiva del CSI.
 
L’avvio della stagione sportiva è fissato nella settimana del 3/9 maggio 2021.
 
Le adesioni ai campionati ora promossi termina alle ore 23.59 di lunedì 26 aprile 2021.
 
Il format di svolgimento dell’attività prevede la creazione di gironi composti indicativamente da 6 squadre con gare di sola andata e successive fasi finali.
 
Si conferma altresì che è attualmente ammessa la partecipazione a tali campionati esclusivamente agli atleti in possesso di certificazione medica di idoneità alla pratica sportiva agonistica.
 
Gli atleti tesserati e partecipanti a tali attività potranno svolgere sessioni di allenamento ordinarie, nel rispetto dei protocolli sanitari emanati dal CSI e pubblicati sul sito internet www.csi.milano.it
 
Le società già iscritte nel corso della presente stagione sportiva hanno ricevuto una specifica comunicazione con la quale vengono invitate a confermare la loro adesione ai campionati di prossimo avvio o decretare il “ritiro” delle squadre precedentemente iscritte.
Tale dichiarazione deve essere formalizzata entro il 26 aprile p.v.
 
Al seguente link CLICCARE QUI è possibile recuperare il documento che riepiloga l’elenco dei campionati promossi, suddivisi per disciplina e categoria. Vengono evidenziate le annate previste per ciascuna categoria, confermando che non è prevista e non è concedibile deroga per la partecipazione di atleti di età differente rispetto alle categorie promosse.
 
 
CAMPIONATI DI SERIE
I campionati Open di ciascuno sport sono promossi con unica categoria a differenza della tradizionale e consolidata suddivisione per meriti sportivi acquisiti (Eccellenza, A, B, C, A1, A2, ecc.)
Per tale motivo, promuovendo il campionato Open di unica categoria, non saranno previste le consuete promozioni/retrocessioni in serie superiori/inferiori.
Le squadre precedentemente iscritte al campionato indetto ad inizio stagione, che non confermeranno la partecipazione all’attuale campionato promosso, non perderanno il precedente diritto sportivo acquisito.
I campionati della prossima stagione valorizzeranno gli stessi diritti sportivi e la suddivisione per categorie già previsti per la stagione 2020/2021. Verranno pubblicate inoltre le nuove graduatorie di subentro.
Non verrà quindi valorizzato quanto normato e previsto dall’art 6 del regolamento comune a tutti gli sport pubblicato sul sito www.csi.milano.it
 
SVINCOLI – TRASFERIMENTI - TESSERAMENTI
L’attuale riformulazione del campionato prevede una modifica alle norme relative agli svincoli e trasferimenti.
Le tempistiche di svincolo prospettate dall’art. 30 del regolamento comune a tutti gli sport pubblicato sul sito www.csi.milano.it vengono così modificate:
 
SVINCOLO
È possibile ottenere lo svincolo qualora il tesserato non prenda parte a gare ufficiali della Società di appartenenza entro il 30 maggio 2021. Lo svincolo sarà automatico per tutti gli atleti già tesserati in favore di sodalizi sportivi che non confermeranno la partecipazione ai campionati ora promossi.
L’atleta dovrà richiedere personalmente all’ufficio tesseramento (tesseramento@csi.milano.it) lo svincolo che verrà autorizzato dalla direzione tecnica dell’attività sportiva del CSI Milano esperiti gli accertamenti in materia.
 
TRASFERIMENTO
Atleti tesserati in favore di sodalizi sportivi partecipanti ai campionati ora promossi, pur avendi già preso parte alle gare con il sodalizio di primo tesseramento, potranno chiedere lo svincolo ed il tesseramento in favore di altro sodalizio sportivo, con assenso della propria associazione sportiva di primo tesseramento e utilizzando la procedura telematica prevista dal portale di tesseramento CSI.
Questa operazione di svincolo sarà consentita sino al 23 maggio 2021, data ultima entro cui compiere l’intera procedura.
 
TESSERAMENTI
In deroga a quanto previsto dall’Art. 33 del regolamento comune a tutti gli sport è ammessa la partecipazione di atleti purché tesserati entro la data del 30 maggio 2021 incluso. Oltre tale data, pur essendo concessa la possibilità di tesserare ulteriori atleti, non ne è ammessa la partecipazione alle attività ufficiali.
 
IMPIEGO TESSERATI CON VINCOLO FEDERALE
L’attuale proposta dei campionati, pur disputandosi in periodo primaverile, ricade nel novero delle attività di campionato provinciale ed è necessario osservarne le norme circa l’eventuale e possibile impiego di tesserati con vincolo federale attivo.
Si rimanda pertanto agli articoli di regolamento che ne specificano le possibilità di impiego:
CALCIO a 11 – Art. 15 del regolamento – CLICCA QUI per consultarlo
CALCIO a 5-7 – Art. 14 del regolamento – CLICCA QUI per consultarlo
PALLAVOLO – Art. 18 del regolamento – CLICCA QUI per consultarlo
PALLACANESTRO – Art. 18 del regolamento – CLICCA QUI per consultarlo
 
MODIFICHE REGOLAMENTARI
L’attuale format del CAMPIONATO PRIMAVERILE, che vede lo sviluppo con un numero ridotto di gare rispetto ai format tradizionali, necessita di alcune modifiche regolamentari che vengono evidenziate in seguito e che sostituiscono, per questa specifica competizione, quanto normato e previsto dai regolamenti vigenti.
 
AMMONIZIONI
La squalifica di una gara sarà irrogata alla seconda ammonizione. La diffida si raggiungerà quindi alla prima ammonizione. Tale diffida non verrà evidenziata sul comunicato ufficiale settimanale. Le squadre dovranno registrare con attenzione il computo delle ammonizioni per evitare di incorrere in successivi provvedimenti conseguenti ad un impiego irregolare di tesserati. L’effettiva squalifica sarà sempre pubblicata sul comunicato ufficiale settimanale.
Ricordiamo inoltre quanto previsto dai vigenti regolamenti in merito all’automatismo delle sanzioni, così come normato dal regolamento di giustizia all’Art. 28 – CLICCA QUI per visualizzarne i contenuti completi
 
Tesserati espulsi dal campo 
L’espulsione dal campo di un giocatore (da intendersi in qualunque modalità avvenga, e pertanto, o per tramite di espulsione diretta o per somma di ammonizioni nel corso della stessa gara) comporta l’automatica squalifica almeno per una giornata, da scontarsi in quella immediatamente successiva in cui il giocatore è stato espulso. Si precisa comunque che un giocatore espulso durante turni di finale deve scontare i turni di squalifica nelle fasi finali e successivamente, in caso di conguaglio, nelle manifestazioni a seguire. La stessa normativa si applica per i dirigenti espulsi dal campo. 
 
Ammonizioni 
Non è viceversa considerata automatica la squalifica per cumulo di ammonizioni in gare diverse: affinché essa sia considerata effettiva, occorre la delibera del Giudice Sportivo. 
Pertanto, ad esempio e a maggior chiarimento, il giocatore che raggiunge la recidiva di ammonizioni avrà l’obbligo di astenersi dalla gara solo dopo 24 ore dalla affissione del comunicato ufficiale, in cui il Giudice ratifica la sua squalifica. In mancanza di delibera il giocatore non può mai ritenersi squalificato, indipendentemente dal computo privato delle Società, elemento regolarmente non rilevante in fatto di ammonizioni. 
Non è mai consentito ad una Società anticipare le squalifiche di un giocatore oggetto di recidiva per ammonizioni.
 
INGIUSTIFICATA PRESENTAZIONE ALLA GARA
La delibera evidenzierà un’ammenda di € 75,00 e l’eventuale applicazione del punto di penalità in classifica.
RITIRI – ESTROMISSIONI DAL CAMPIONATO
Alla seconda rinuncia alla gara e/o ingiustificata presentazione è prevista l’estromissione dal campionato con addebito di ammenda di € 150,00
Il ritiro dal campionato ad iscrizione avvenuta prevede l’irrogazione di un’ammenda di € 150,00
L’eventuale ritiro/estromissione di una squadra dal proseguo delle attività non annulla gli eventuali risultati pregressi conseguiti nel corso della manifestazione.
 
RITARDATO INIZIO GARA
I ritardi delle squadre in genere non prevedono sanzioni salvo i casi di noncuranza o leggerezze imputabili ai sodalizi in difetto.
 
CERTIFICAZIONE MEDICA AGONISTICA
Il Consiglio nazionale del Centro Sportivo Italiano ha deliberato l’adozione dei limiti d’età minimi e dei criteri così come riportati nel documento “Tabelle elaborate dal Coni con cui si determina l’età minima di accesso all’attività agonistica” rese note dal Ministero della Salute in data 2 luglio 2018 (prot. 006203-P-02/07/2018).
 
Sul sito del CSI Milano, al seguente link – CLICCA QUI è riportata la tabella contenente le età minime di accesso all’attività agonistica.
 
PROTOCOLLI SANITARI
Ricordiamo a tutti i sodalizi sportivi che in occasione delle attività ufficiali svolte sotto l’egida del Centro Sportivo Italiano è FONDAMENTALE e OBBLIGATORIO rispettare quanto previsto dai protocolli sanitari predisposti dal CSI.
I protocolli sono da sempre pubblicati sul sito del CSI Milano e invitiamo ciascuna squadra a leggerli con attenzione e ad osservarli con scrupolo.
La responsabilità della corretta applicazione del protocollo ricade sul Legale Rappresentante di ciascun sodalizio sportivo. Eventuali inadempienze e/o inosservanze che impediranno il regolare svolgimento delle gare saranno addebitate, con provvedimenti di natura giuridico sportiva, alla società in difetto.
E’ possibile consultare i protocolli predisposti per le singole discipline sportive al seguente link – CLICCA QUI
 
GESTIONE PUBBLICO
Ricordiamo che le attuali norme vigenti impediscono la presenza di pubblico all’interno degli impianti sportivi nelle aree loro destinate. Si conferma pertanto che tutti gli incontri dovranno disputarsi “a porte chiuse” e che solamente i tesserati impiegabili a norma di regolamento nel corso della gara potranno accedere all’interno dell’impianto sportivo.
 
SPOGLIATOI
Riportiamo per maggior chiarezza quanto già pubblicato su precedenti comunicati ufficiali.
L’art. 38 del Regolamento Comune a tutti gli Sport norma la gestione e l’utilizzo degli spogliatoi:
È compito della Società ospitante far trovare in perfetta efficienza il campo di gioco, gli spogliatoi dell’arbitro e quelli della squadra ospitata - omissis”
“Spetta alle Società ospitanti la verifica preventiva, prima dell’inizio della gara, della regolarità degli impianti, delle attrezzature, dell’igiene e funzionalità degli spogliatoi - omissis”
Tale norma è sempre stata presente nei regolamenti del Centro Sportivo Italiano e non ha mai causato difficoltà interpretative o organizzative durante gli incontri ufficiali organizzati dal CSI.
Alla luce delle nuove indicazioni previste dai Protocolli e disposizioni applicative di dettaglio nel contesto della pandemia da COVID-19 per la ripresa in sicurezza delle attività ed a fronte di costanti e continue richieste di chiarimento in merito rivolteci dalle Associazioni sportive, si rende necessario uno specifico ed ulteriore chiarimento in materia.
Tale chiarimento assume, a tutti gli effetti, normativa regolamentare da osservare con rigorosa attenzione.
In occasione di ogni gara indetta ed organizzata dal Centro Sportivo Italiano e ospitata da un sodalizio sportivo, si ribadisce la necessità assoluta di approntare gli spogliatoi a disposizione delle squadre.
Gli spogliatoi devono rispettare le consuete misure di igiene e quanto previsto dai Protocolli vigenti.
Non è previsto, anche se ampiamente consigliato, che gli stessi siano provvisti di docce funzionanti. È altresì necessario che siano messi a disposizione delle squadre idonei servizi igienici che possono essere posti anche in locali ubicati nelle immediate vicinanze degli spogliatoi stessi.
Per agevolare ogni associazione sportiva e per garantire piena regolarità al calendario gare, si conferma che possono essere utilizzati locali solitamente non adibiti ad uso spogliatoio, purché gli stessi rispettino le misure igieniche previste. Laddove si riscontrassero carenze rispetto alle misure di igiene previste, le società ospitanti sono tenute a risolvere immediatamente la situazione ed in caso di inosservanza di tale disposizione è necessario fornire, alla direzione tecnica del CSI Milano, dettagliata e precisa documentazione al riguardo.
Confermiamo pertanto che, in occasione di ogni gara di competizione ufficiale promossa dal Centro Sportivo Italiano è obbligatorio che le società ospitanti forniscano alle squadre avversarie locali idonei adibiti alle formalità pre e post gara, legate alla competizione sportiva.
Nell’ottica della fattiva collaborazione si consiglia a tutte le società ospitanti di contattare, con congruo anticipo rispetto a ciascuna gara in calendario, i sodalizi avversari e presentare per dovere di ospitalità la propria situazione logistica.
Confermiamo inoltre che a norma dei regolamenti sportivi vigenti non è ammesso il rifiuto alla disputa dell’incontro per “mancanza del servizio docce”. Le società che, per tale motivo, dovessero rifiutarsi di disputare l’incontro verranno trattate come rinunciatarie e con la conseguente applicazione delle norme di giustizia sportiva previste dai vigenti regolamenti.
 
Le FAQ pubblicate sul sito del CSI chiariscono inoltre le caratteristiche dimensionali e necessarie degli spogliatoi per poter ospitare gli atleti nelle fasi pre e post gara.
 
Solo alle categorie riconosciute di preminente interesse nazionale è consentito l’utilizzo degli spogliatoi, sempre nel rispetto delle prescrizioni del protocollo.
 
  • L’accesso agli spogliatoi e l’uso delle docce è consentito in conformità alle normative vigenti. In ogni caso è fatto obbligo di mantenere la distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro ed il rispetto del divieto di assembramento.
  • I borsoni (e/o altri indumenti/effetti/accessori di uso personale) devono tra di loro essere posti ad una distanza di almeno un metro.
  • L’accesso agli spogliatoi ed ai servizi igienici deve avvenire in modo regolato, scaglionato e controllato, al fine di evitare possibili assembramenti. Gli atleti, dirigenti, i giudici di gara ed operatori sportivi in genere, vi accedono uno alla volta, curandosi di igienizzare le mani, prima di entrare nell’ambiente e all’uscita dello stesso.
  • Occorre procedere a frequente pulizia degli spogliatoi, delle docce, dei servizi igienici, delle aree comuni, di tutte le attrezzature e macchinari utilizzati, anche più volte al giorno e comunque dopo ogni sessione di allenamento/gara. Si raccomanda l’adeguata aerazione dei locali.
 
GINNASTICA RITMICA
Si svolgerà nel week end 8/9 maggio la prova del campionato provinciale di ginnastica Ritmica presso il palazzetto di Bollate, Via Varalli 11
Le iscrizioni sono aperte sino al 23 aprile e maggiori informazioni possono essere richieste alla commissione provinciale di Ginnastica Ritmica – ginnastica@csi.milano.it
 

 

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok