CSI - Centro Sportivo Italiano - Comitato di Milano

Apple Store Google Play Instagram YouTube Facebook
Chi siamo  /   Link utili  /   Fotogallery  /   Contatti e sede

Costruire e rammendare reti


 

Guardate la foto.

Cosa sta facendo quel pescatore? Come tutti gli uomini di mare, tornato a riva, si siede a “rammendare” la rete.

Un gesto prezioso, paziente, irrinunciabile... senza il quale la rete andrebbe in malora a breve.

Questo dobbiamo fare. Servono uomini e donne disposte a riannodare le reti.

Di quali reti stiamo parlando?

In una società sportiva si “intrecciano” relazioni con persone diverse, profondamente diverse tra di loro.

Provate a mettere insieme una rete fatta di fili diversi. Da quelli sottili di cotone, a quelli di lana, a quelli di corde elastiche, a quelli di funi vere e proprie.

Non é semplice “annodare” una rete così.

Le nostre realtà hanno questa dimensione. Persone diverse, molto diverse, che hanno in comune il bene per i ragazzi, la passione per lo sport ed un senso profondo di appartenenza ad una Comunità.

Per avere una società sportiva che funziona bisogna aver persone che siano capaci di mettere insieme queste persone, intrecciandole sino a farle diventare una rete che sostiene ciascuno e rende tutti più forti.

Di persone così in giro se ne vedono poche. Si tratta di una razza in via di estinzione. Bisogna avere una pazienza infinita, essere sempre pronti ad ascoltare tutti, mettere il proprio orgoglio ogni giorno da parte, esserci ogni volta che qualcuno ha bisogno...

Costruire reti capaci di resistere alla “freddezza umana del nostro tempo é il vero segreto per avere una società sportiva solida e capace di guardare al futuro.

Le reti poi vanno “sistemate” e “rammendate” ogni giorno.

Non basta costruirle. Bisogna starci dietro con pazienza e costanza, proprio come fa un bravo pescatore. Ogni “strappo”, ogni incomprensione, ogni distanza va sanata e cucita subito ... altrimenti quella rete servirà a poco e non permetterà di essere “pescatori di uomini”.

La società sportiva é sempre travolta dal fare e da mille problematiche organizzative. Che sono importanti. Ma che da sole non bastano e non portano da nessuna parte. Avere idee chiare (progetto educativo) sul dove andare e costruire reti sono elementi essenziali per pensare al futuro con coraggio e ottimismo.

Chi costruisce reti rischia, a volte, di fare la figura del fesso. “Guarda quello, dà sempre retta a tutti... Non è mai capace di mandare subito a quel paese qualcuno. Non parla mai male degli altri. Mette sempre d’accordo la gente...”

Servono manutentori pazienti di reti umane. Senza di loro anche la migliore società sportiva resta costruita sulla sabbia.

Fortunatamente le nostre società sportive sono piene di gente così. Sono preziose, anzi preziosissime. E sono anche “modelli” ai quali guardare con ammirazione.

Massimo Achini

Eventi, Attività, News

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli.

Ok